Pechino, la capitale della Repubblica Popolare cinese, è il centro politico, culturale, scientifico ed economico della Cina. È una delle quattro città sotto la direzione diretta del Governo Centrale cinese. Si trova all’estremità nord-occidentale della grande pianura della Cina settentrionale. Pechino non è sempre stata la capitale dinastica, ma si ha l’impressione che abbia presieduto sulla Cina da tempo immemore. Città d’importanza militare del nord della Cina dal 221 a.C. al 938 d.C., nel 938 d.C. è stata chiamata YanJing, Capitale della Rondine, e nel 1272 con la fodazione della dinastia Yuan (1271-1368) cambia nome in Dadu, Grande Capitale. Nel 1420, per motivi politici, il terzo imperatore YongLe della dinastia Ming (1368-1644) la ribattezza Beijing, la Capitale del Nord. Sotto la dinastia Qing (1644-1911) la città di Pechino era il centro politico di tutta la Cina. Dopo la rivoluzione del 1911, Pechino comiciava il suo periodo repubblicano. Il 1 ottobre 1949, il presidente Mao Zedong dichiarava la Fondazione della Repubbulica Popolare Cinese, e Pechino è diventata la capitale della Nuova Cina.

Pechino copre una superifice complesssiva di 16.800 kmq, la municipalità di Pechino è grande all’ incirca quanto il Belgio, con una popolazione totale di circa 21 milioni di abitanti. Il dialetto parlato nella capitale è servito da modello per l’elaborazione del cinese parlato da tutta la nazione.

Tutti conoscono i monumenti simbolo di Pechino: la piazza Tiananmen, l’ampia piazza della porta della pace celeste, è il cuore della Cina. La città proibita, splendida residenza imperiale. La visita spettacolare della Grande Muraglia. Il Palazzo d’estate, una immensa residenza da espolorare con tutta calma fra colline, laghi e giardini. Il Parco del Tempio del Cielo, massima espressione dell’architettura Ming. Una pedalata senza meta nel labirinto di Hutong, i bellissimi vicoli antichi della città.

发表评论

电子邮件地址不会被公开。 必填项已用*标注